Da oltre 7 anni i dipendenti lavoravano in nero sulle ambulanze, senza “qualsiasi garanzia previdenziale o assistenziale” e con “orari di lavori estenuanti“. La Guardia di Finanza della Compagnia di Pavia ha scoperto un’attività di caporalato ai danni di 54 lavoratori in una cooperativa sociale operante nel settore dei traporti con ambulanze e veicoli sanitari. Il responsabile della coop (insieme alla stessa società) è stato denunciato per caporalato mentre sono stati sequestrati 440mila euro, mezzi sanitari, autovetture, nonché le quote societarie di 4 imprese riconducibili al responsabile e due immobili intestati solo formalmente a un testimone.

Secondo quanto è emerso dalle indagini, l’amministratore della società ha sistematicamente imposto ai 54 dipendenti della cooperativa di lavorare “in nero”. “I finanzieri, analizzando l’esigua documentazione contabile rinvenuta durante le attività investigative e dopo aver delineato tutti i rapporti con i lavoratori – si legge in un comunicato della Guardia di Finanza di Pavia – hanno ricostruito l’intero ciclo aziendale. Fondamentali le dichiarazioni rese dal personale dipendente che hanno permesso di dimostrare la sussistenza dei requisiti tipici del lavoratore subordinato, accertando che il socio lavorante non gestiva in modo autonomo la propria prestazione volontaria, ma dipendeva in maniera diretta dal datore di lavoro che gli impartiva gli ordini”.

“Le investigazioni – prosegue la nota delle Fiamme Gialle pavesi – hanno fatto emergere che gli stipendi, a fronte di orari lavorativi massacranti, erano mascherati da rimborsi spese mai documentati e paghe nettamente inferiori a quanto previsto dal Contratto Collettivo Nazionale. Sono stati documentati casi di doppi o tripli turni di lavoro senza che venissero concesse le adeguate ore di riposo e il dovuto pagamento delle ore di straordinario, con evidenti riflessi negativi sul personale che si trovava alla guida delle autoambulanze”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, maestri di sci in piazza a Torino: “Perdiamo il 50% del fatturato, ora i ristori”

next
Articolo Successivo

Marittimi fermi a causa della pandemia, la petizione al governo per sostenere i lavoratori: “Invisibili ed esclusi dai sussidi. Conte ci ascolti”

next