“Abbiamo acquisito elementi di prova univoci e significativi. Questo è un risultato estremamente importante e non scontato”. A dirlo il procuratore capo di Roma, Michele Prestipino, in audizione insieme al sostituto procuratore Sergio Colaiocco davanti alla commissione parlamentare di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso in Egitto nel 2016. I magistrati italiani erano già stati ascoltati in commissione il 17 dicembre dello scorso anno. “Abbiamo fatto di tutto per accertare ogni responsabilità: lo dovevamo a Giulio e all’essere magistrati di questa Repubblica”, ha sottolineato Prestipino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo sull’Asl di Benevento, tutti assolti. Tra loro l’ex parlamentare Nunzia De Girolamo

next
Articolo Successivo

Il padre della compagna di Conte ottiene la revoca del patteggiamento per peculato

next