“Bisogna avere la capacità di tenere sotto controllo la paura e avere un vero coraggio civile, perché il luogo in cui viviamo sia il più umano. Siamo umani, è il meglio che ci possa capitare nella vita”. Lidia Menapace, morta all’ospedale di Bolzano all’età di 96 anni, concluse così il suo intervento organizzato in occasione delle celebrazioni del 25 aprile alla Scuola di pace di Monte Sole, in provincia di Bologna. Una vera a propria lezione di umanità e antirazzismo, che la partigiana regalò a ragazzi e bambini (e anche a molti adulti presenti) partendo dai propri racconti della propria vita. Lidia Menapace, all’anagrafe Lidia Brisca, era nata a Novara nel 1924 e da giovanissima era diventata staffetta partigiana (nome di battaglia Bruna) nella formazione della Val d’Ossola. Femminista, pacifista e antirazziste, per tutta la vita è stata un punto di riferimento della lotta per le donne e per i diritti di tutte e tutti
Il video è un estratto di quello pubblicato sulla pagina Facebook della Scuola di Pace Monte Sole

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“500 pacchi in una sola ora”. L’iniziativa solidale delle Scatole di Natale fa il pieno: “Il Covid ha aiutato a sensibilizzare”

next
Articolo Successivo

Lidia Menapace, il ricordo di Mattarella: “Scompare una figura intensa di intellettuale e politica. Suoi valori insegnamento per i giovani”

next