Corruzione e traffico di influenze. Sono questi i reati contestati, a vario titolo, nell’ambito di una inchiesta della procura di Massa. Secondo quanto riporta il Corriere Fiorentino alcune strutture destinate ai minorenni in difficoltà non a norma venivano gestite comunque da imprenditori che offrivano “posti di lavoro” a coloro che avrebbero dovuto controllare. Le case di accoglienza, che si trovano nella provincia di Massa Carrara, sono gestite da cooperative che farebbero riferimento ai tre imprenditori. A loro i carabinieri hanno notificato una ordinanza di custodia cautelare, firmata dal giudice per le indagini preliminari, agli arresti domiciliari. Sono otto le persone arrestate: tra loro anche il sindaco di Villafranca in Lunigiana Filippo Bellesi (lista civica di centrodestra), destinatario come gli altri di una misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari disposta dal gip di Massa Marta Baldasseroni.

Ai domiciliari sono finiti anche la responsabile del Centro affidi dei servizi sociali per il Comune di Massa Paola Giusti; Rosanna Vallelonga, responsabile della commissione multidisciplinare Asl distretto della Lunigiana nonché direttore della Società della salute della Lunigiana; Mauro Marcelli, all’epoca dei fatti contestati dipendente pubblico responsabile dell’ufficio Suap unificato per i Comuni della Lunigiana; Rosa Russo, all’epoca dei fatti giudice onorario presso il tribunale per i minori di Firenze; Marino Petracci, consigliere comunale di Montignoso; Alessio Zoppi, Enrico Benassi e Tamara Pucciarelli, indicati come gestori della cooperativa Serinper, società che gestisce strutture protette per l’accoglienza di minori e nuclei familiari disagiati. Stando agli inquirenti gli indagati avrebbero ricevuto posti di lavoro per amici e parenti nelle strutture. L’indagine è scattata dopo le denunce di ex dipendenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, folla in centro nel week end: scattano le chiusure temporanee contro gli assembramenti. “Sembra di essere tornati ai vecchi tempi”

next
Articolo Successivo

Pino Maniaci, per l’ex direttore di Telejato chiesti 11 anni e mezzo per estorsione e diffamazione

next