In occasione della presentazione del terzo volume di Donne sul fronte (edizione PaperFirst), Giuliana Sgrena rivive i tragici momenti del suo rapimento a Baghdad nel 2005, e della morte dell’agente dei servizi segreti Nicola Calipari a causa del fuoco “amico” dei militari americani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Minacce a Report, sulla lettera indaga la Digos. Ranucci: “Atti di imbecilli, non ci fermeremo”

next
Articolo Successivo

Annalisa Malara, il personaggio dell’anno di SkyTg24: la dottoressa che il 20 febbraio diagnosticò il primo caso di Covid a Codogno

next