In un evento all’autodromo romano di Vallelunga, Mercedes-Benz ha illustrato la sua strategia di crescita dei prossimi anni. Si punterà sull’elettrificazione e valorizzazione dei marchi collegati (G, Maybach e AMG), nonché su un software per i veicoli realizzato in-sourcing.

Saranno nondimeno decisive le due nuove piattaforme: EVA (Electric Vehicle Architecture), dedicata alle vetture alto di gamma, ed MMA (Mercedes-Benz Modular Architecture) per le vetture medie e compatte.

Per il 2030 l’obiettivo è quello che le vendite di auto elettrificate superino il 50% del totale, abbassando di conseguenza del 70% la produzione dei motori termici. Per raggiungere questi risultati sarà sempre più importante la partnership siglata tra Daimler AG e Geely Holding Group (che ne è azionista di maggioranza) sullo sviluppo di una gamma di propulsori ibridi altamente efficiente.

Mentre il prossimo anno faranno il loro debutto le nuove EQA, l’EQS e l’EQS AMG; all’inizio del 2022 la EQB e EQE. Quanto alla EQS, prima vettura realizzata sulla nuova architettura EVA, l’autonomia elettrica si attesterà oltre i 700 km (ciclo WLTP). Successivamente arriveranno l’EQE, l’EQS-SUV e l’EQE-SUV.

Una roadmap chiara e strategica che fa della sostenibilità e dell’elettrificazione i suoi capisaldi: ”Attraverso questa nuova strategia sottolineiamo il nostro chiaro impegno per la completa elettrificazione del nostro portafoglio di prodotti e la determinazione a garantire che tutto il nostro ciclo produttivo sia completamente a emissioni zero, in linea con gli obiettivi di Ambition 2039”, ha dichiarato Ola Källenius, Chairman del Board of Management di Daimler AG e Mercedes-Benz AG.

Tornando al prodotto, AMG, Maybach e G saranno trasformati in sub brand attraverso una strategia che li eleverà ad un livello ancora superiore, accelerandone lo sviluppo e mettendone a frutto tutto il potenziale. Per AMG, già dal prossimo anno l’elettrificazione diventerà un elemento sempre più caratterizzante delle performance e per questo sono stati aumentati i legami con la Formula 1.
Per Mercedes-Maybach e per la leggendaria Classe G obiettivi globali: raddoppio dei volumi e passaggio all’elettrico.

Mercedes-Benz ha anche annunciato il debutto del proprio sistema operativo MB.OS nel 2024. Lo sviluppo di un software realizzato in house consentirà aggiornamenti più frequenti, una adattabilità taylor per ogni modello, maggior velocità di esecuzione ed un contenimento dei costi per la Casa.
Per quanto riguarda la situazione nel nostro Paese, Radek Jellinek, ceo della filiale italiana di Mercedes-Benz ha infine spiegato come l’azienda, in periodo COVID, si sia prodigata per aiutare dipendenti e concessionarie con lo sviluppo di piani per lo smart working. Per le concessionarie, inoltre, sono stati studiati dei piani di supporto per aiutare ad uscire da questo periodo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

La Cina dell’auto sta meglio dell’Europa. E i ricconi fanno soldi con le elettriche

next