Tre calciatrici di origine mista che affrontano le loro battaglie quotidiane, dal bullismo al razzismo alle discriminazioni di genere grazie allo sport. È il tema del nuovo spot della Nike Giappone che sta facendo infuriare i nipponici. La pubblicità, chiamata “The future isn’t waiting”, tradotto “il futuro non aspetta”, tratta, appunto, tramite “vere esperienza di vita”, i temi del bullismo e delle discriminazioni. Un modo di vedere la “società giapponese moderna” stereotipato, secondo molti giapponesi che hanno quindi minacciato di boicottare il marchio statunitense. L’azienda ha dichiarato sul proprio sito web di “credere nella capacità dello sport di trasformare le vite” e di aver solo “ascoltato al lungo le voci delle minoranze” per la realizzazione dello spot. Ma, secondo l’esperto di temi asiatici Steve McGinnes, si tratta di un grande “autogol” per l’azienda sportiva.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paura in Minnesota: ultraleggero atterra in autostrada, poi si schianta contro un suv. Le immagini

next
Articolo Successivo

Erdogan: “Macron è un problema, spero che la Francia se ne liberi al più presto”. Ma rischia le sanzioni Ue

next