È da “scongiurare l’opportunità di un regionalismo differenziato in materia di istruzione“. Così la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, alla Camera. La ministra ha fatto riferimento ai “differenti contesti” che presenta l’Italia e al fatto che il regionalismo differenziato non possa “rivelarsi esaustivo nell’ottica dell’eguaglianza sostanziale: mettere a rischio questa parità equivale a frustrare le prospettive di miglioramento degli studenti capaci a detrimento del senso di giustizia” e per “il Paese stesso. Non è possibile immaginare un regionalismo delle diseguaglianze” soprattutto in momenti difficili “come quello attuale”.

La ministra ha ricordato che il regionalismo differenziato, per le Regioni che hanno chiesto il riconoscimento della gestione di 23 materie, prevede “l‘intero governo del sistema istruzione“: la formazione dei docenti, la gestione dell’alternanza-scuola lavoro, la creazione di un ruolo regionale del personale scolastico distinto da quello statale. Viene chiesto anche il trasferimento delle risorse umane all’ufficio scolastico regionale e l’istituzione del ruolo regionale dei dirigenti scolastici. Si avrebbe quindi un sistema a doppio binario e si creerebbe “una sovrapposizione di personale dipendente da ruoli statali e ruoli regionali“. Diverse le richieste avanzate dall’Emilia Romagna che non presentano “spinte eccessivamente autonomistiche”.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sulla disabilità i giovani sanno andare dritti al punto. Come questa studentessa

next