Il governo spagnolo sta valutando l’ipotesi di ridurre la settimana lavorativa a quattro giorni. Lo ha detto poco fa il vice primo ministro Pablo Iglesias. Il governo sta considerando la possibilità di proporre orari di lavoro più brevi per aumentare l’occupazione, ha detto Iglesias in un’intervista giovedì con l’emittente statale RTVE. Tra le opzioni al vaglio del ministero del Lavoro c’è appunto anche quella di accorciare la settimana lavorativa a quattro giorni, ha detto. Eventuali proposte in questo senso sarebbero presentate dal governo nel quadro del cosiddetto dialogo sociale con sindacati e gruppi industriali. Iglesias è il leader di Unidas Podemos, il partner di minoranza della coalizione di governo spagnola. Il ministero del Lavoro è guidato da Yolanda Diaz, un membro del suo gruppo. Il tasso di disoccupazione spagnolo supera il 16% con oltre 3 milioni e 700mila persone in cerca di un’occupazione

Di ieri la notizia che la multinazionale Unilever ha avviato la sperimentazione della settimana lavorativa di quattro giorni. L’esperimento parte dalla Nuova Zelanda, dove consentirà ai suoi 81 dipendenti di lavorare per quattro giorni alla settimana per un anno intero pur continuando a essere pagati per cinque giorni. Al termine dell’esperimento Unilever valuterà i risultati e prenderà spunto per tutti i suoi 155mila lavoratori in tutto il mondo. L’iniziativa è uno degli sforzi più ambiziosi per provare la settimana lavorativa di quattro giorni che, secondo molti, aumenta la felicità, la salute e la produttività.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A ottobre nuovo calo di precari e autonomi, ma scendono anche gli inattivi. Istat: “Rispetto a un anno prima 473mila occupati in meno”

next