Ford ha scelto la sua fabbrica europea per auto elettriche: sorgerà a Colonia, in Germania, e sfornerà un modello destinato al mercato di massa, basato sull’architettura Meb del Gruppo Volkswagen (la stessa della berlina compatta ID.3, in vendita da settembre). È quanto riportano alcuni media tedeschi. Il costruttore americano investirà circa un miliardo di euro nello stabilimento in questione, scelto al posto di quello rumeno di Craiova, che era stata considerato come l’opzione principale per via dei suoi bassi costi di manodopera.

Per ora Ford, pur confermando il nuovo veicolo elettrico su base Meb (che dovrebbe esordire nel 2023), non conferma la scelta di Colonia, dove attualmente viene costruita la Fiesta. Nel gennaio del 2019 Ford e il Gruppo Volkswagen avevano annunciato una cooperazione industriale per la fabbricazione di veicoli commerciali termici – un furgone compatto Ford sarà basato sul pianale della VW Caddy di nuova generazione – e pick-up di medie dimensioni (a marchio VW ma fatto sulla piattaforma del Ford Ranger), che è stata successivamente estesa a veicoli elettrici e a guida autonoma.

L’elettrica della Ford verrà messa a punto presso il centro di sviluppo europeo della casa, situato Merkenich, proprio vicino a Colonia. A marzo Stuart Rowley, presidente di Ford Europa, aveva dichiarato ad Autonews che la marca sta già valutando se aggiungere ai suoi piani una seconda auto basata sulla piattaforma Meb (che potrebbe essere quella del Suv elettrico ID.4). Il colosso americano prevede di consegnare in Europa più di 600 mila veicoli elettrici con meccanica VW in un periodo di sei anni, a partire dal 2023.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hyundai Click to Buy, come ti compro l’auto online sulla piattaforma dedicata

next
Articolo Successivo

Mercato auto, a novembre ancora in picchiata: immatricolazioni a -8,3%

next