Torna la Notte europea della ricercatrici e dei ricercatori, quest’anno in formato digitale a causa della pandemia di Covid-19. Dal 26 al 28 novembre, ci saranno iniziative in tutta Europa, con migliaia di ricercatori che incontreranno virtualmente centinaia di migliaia di persone di ogni età. L’Italia è al primo posto per partecipazione, con sette progetti finanziati dalla Commissione Europea e sostenuti dal ministero dell’Università e della Ricerca, che presenterà con numerosi eventi in 84 città. “La pandemia ci costringe a un formato nuovo, inedito, virtuale, ma questo evento continua a rappresentare una preziosa occasione informale per diffondere la cultura scientifica” ha detto il ministro dell’Università e Ricerca, Gaetano Manfredi.

Per il ministro “resta intatta la voglia dei ricercatori di raccontare e raccontarsi” ai cittadini, per far comprendere il valore della ricerca come elemento “essenziale” per affrontare le sfide globali del futuro: energia pulita, nuove tecnologie, digitale, medicina, agricoltura. In questo senso, prosegue Manfredi, “i sette progetti rappresentano il nostro orgoglio. La Notte dei ricercatori resiste oltre la pandemia e non si ferma. Proprio come la ricerca”.

L’evento dedicato alla ricerca universitaria, giunto quest’anno alla XV edizione, coinvolge ogni anno migliaia di ricercatori, atenei e istituzioni di ricerca in tutti gli Stato membri. L’obiettivo è “creare occasioni di incontro tra ricercatori e cittadini, per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale e stimolante”. Il programma dell’edizione 2020 propone migliaia di incontri: laboratori virtuali, spettacoli online, giochi, attività divulgative interattive, conferenze, eventi di approfondimento culturale e di intrattenimento. Le iniziative si terranno in 29 Paesi e 388 città.

Quest’anno l’Italia è il paese che contribuirà di più con 7 progetti: Bright-Night (coordinato dall’Università di Firenze), Ern Apulia (coordinato dall’Università del Salento), MeetmeTonight (coordinato dall’Università Milano-Bicocca), Science Together Net (coordinato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche), Sharper (coordinato da Psiquadro – impresa sociale di comunicazione della scienza), Society Next (coordinato dal Consorzio inter-universitario Cineca) e SuperScienceMe (coordinato dall’Università della Calabria).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

“La resistenza agli antibiotici è pandemia silenziosa”. Allarme Iss: “In Italia 10mila morti l’anno, record Ue”. Dati peggiori al Centro-Sud

next