Botta e risposta fra il senatore del Movimento 5 Stelle, Giovanni Endrizzi, e il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, durante un intervento sull’intervento del presidente della commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra, sulla presidente della Calabria, Iole Santelli, morta per un tumore.”Una cittadina mi ha detto: cosa guardo per capire se un politico è autentico? Quando ha il coraggio di dire ciò che gli altri tacciono, anche se sa che gli nuocerà” ha detto Endrizzi iniziando l’intervento e suscitando subito le proteste di una parte dell’Aula. Tra i quali i senatori di Italia Viva che hanno deciso di abbandonare la discussione. Endrizzi ha poi aggiunto: “Qual è la coerenza fra votare in commissione antimafia il codice di regolamentazione dei partiti e poi non trarne le conseguenze, visto che quella commissione dichiarava Tallini impresentabile, ma poi Tallini è stato premiato, nominandolo presidente del consiglio regionale?”. A quel punto la presidente Casellati lo ha interrotto e richiamato: “Noi stiamo parlando di una persona che è morta, non si deve, c’è un codice deontologico di comportamento di condotta, oltre il quale non si può andare, non è possibile, non si parla di una persona defunta, non si può infangare il nome di Iole Santelli”. Il senatore ha quindi replicato: “Io di Santelli ho detto il contrario, o non mi ascolta o era già preparata a censurare le mie parole, ho detto che era una figura di alto profilo istituzionale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte: “Parole di Speranza su uso del Mes? Il problema non è dello strumento ma delle risorse finanziarie, faremo in modo che siano adeguate”

next
Articolo Successivo

Caso Santelli, Vigilanza ascolterà Di Mare sulla censura a Morra. Al Senato scontro Casellati-Endrizzi (M5s): i renziani lasciano l’aula

next