Hanno seguito l’ambulanza con un Suv di grossa cilindrata fino sotto casa di un paziente positivo al Covid, per insultare e accusare medici e operatori sanitari. Si tratta di due negazionisti del virus, che sono stati fermati e allontanati dalla polizia e ora rischiano una denuncia per interruzione di pubblico servizio. L’episodio è avvenuto a Torino a fine ottobre.

Secondo quanto riferito dagli operatori nel loro rapporto, il malato aveva richiesto l’intervento del 118 perché stava iniziando ad avere serie difficoltà respiratorie. Gli infermieri si sono accorti quasi subito della macchina che li seguiva. Così hanno avvisato la centrale, che a sua volta ha chiamato la polizia.

Quando il mezzo di soccorso si è fermato, dalla macchina sono scesi un uomo e una donna, che hanno iniziato ad insultare gli infermieri, aggredendoli e accusandoli di seminare il panico. “Girate a vuoto, le ambulanze sono vuote!”, ha urlato l’uomo. La donna ha anche filmato la scena con il cellulare. All’arrivo degli agenti, i due negazionisti sono stati schedati dagli agenti e portati in caserma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il direttore degli ospedali milanesi sotto accusa: “Abbiamo assunto tutto il personale possibile per garantire ai pazienti dignità e cure”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 36.176 nuovi casi e 653 morti nelle ultime 24 ore. Tra lunedì e giovedì meno casi degli stessi giorni della scorsa settimana

next