La presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, durante un colloquio con la Commissione affari economici e monetari del Parlamento europeo, risponde netta alla domanda dell’europarlamentare italiano della Lega Marzo Zanni che chiedeva quale sarebbe l’impatto di una eventuale cancellazione del debito, acquistato dalla Bce nell’ambito del programma App, sui bilanci e sulla capacità della Bce di perseguire gli obiettivi di politica monetaria. “Non me lo chiedo neppure – spiega secca Lagarde, rispondendo anche sulla questione sollevata dal presidente del Parlamento europeo, Davide Sassoli sulla cancellazione dei debiti degli Stati membri legati alla pandemia del coronavirus – perché questa sarebbe una violazione del Trattato” . “Seguo con molta attenzione il dibattito”, ma “non mi chiedo neanche quale sarebbe l’impatto” perché non è possibile procedere con la cancellazione dei debiti acquistati dalla Bce nel quadro dei programmi di acquisto varati per affrontare la crisi del coronavirus, ha fatto presente il presidente della banca centrale. Quanto alla possibilità di perdite legate agli acquisti di obbligazioni del settore privato, fatte dall’Eurotower, “se anche ci fossero questo non impatterà la nostra capacità” di perseguire il mandato di stabilità dei prezzi. “Ma non voglio evocare scenari alternativi, non siamo a rischio”, conclude la Lagarde.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Lagarde: “Economie colpite severamente da seconda ondata. Recovery Fund serve subito”

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, Amendola: “Piano Italia per la ripartenza? Nessuna preoccupazione in Ue”

next