Non ci sarà alcuna sospensione cautelare urgente del Dpcm del 3 novembre scorso, che ha inserito la Calabria tra le Regioni ‘zona rossa‘ per il contenimento del contagio da Coronavirus. La decisione arriva dalla prima sezione del Tar del Lazio, che ha respinto il ricorso della Regione e fissato la camera di consiglio il prossimo 18 novembre. “Il mio appello alla Regione Calabria è di fermarsi di fronte al rigetto già avvenuto oggi del ricorso della stessa Regione Calabria contro il Dpcm”, ha commentato il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, al termine della riunione di coordinamento con le Regioni.

“Chi esce dal perimetro delle ordinanze del ministro della Salute, allargando le maglie, avrà l’impugnazione degli atti in tempo reale, a tutela massima della salute dei cittadini e del lavoro degli operatori sanitari”, ha continuato Boccia. “Ogni Presidente ha sempre la possibilità, se ci sono condizioni di gravi criticità comprovate, di emanare provvedimenti più restrittivi, ma se un’ordinanza va contro il deliberato invertendo l’impostazione, frutto del lavoro dell’Iss e della cabina di regia sul monitoraggio dei dati, il governo a tutela dei cittadini, della loro salute e del lavoro difficile degli operatori sanitari lo impugnerà in tempo reale”.

“Emanare un atto – sottolinea Boccia – che va contro la decisione del governo per allentare le condizioni da una zona rossa a zona arancione o gialla è un atto irresponsabile di propaganda che può fare molti danni sanitari”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati – Quasi 40mila contagi con 230mila tamponi. 425 i morti. Oltre 1.200 pazienti ricoverati. 11mila casi in Lombardia

next
Articolo Successivo

Calabria, il commissario alla Sanità cacciato? Lo nominò il governo gialloverde: su proposta di Giulia Grillo e con l’ok della leghista Stefani

next