Perché la Campania è in zona gialla? I dati sono i dati, per tutti. Il Governo e il Ministero della Salute alla fin fine ragionano sui dati, sui numeri”. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, commenta la divisione in zone decisa dal governo. Specificando di essere “per la linea unitaria”, il governatore sottolinea i numeri, spiegando il perché della scelta dell’esecutivo: “In Lombardia ci sono 5.318 ricoveri – ha spiegato De Luca – in Piemonte 3.700, in Campania 1.600. In Lombardia ci sono 502 ricoveri in terapia intensiva, in Campania 174, in Piemonte, che ha 1,5 milioni di abitanti in meno della Campania, 249. I deceduti, il dato dal mio punto di vista più rilevante, in Lombardia sono 18mila, in Piemonte 4.520, in Campania 756”. De Luca ha poi specificato che però c’è un paradosso: “Chi è in zona rossa tra un mese si troverà ad aprire le attività. Chi non è stato collocato in zona rossa corre il rischio di chiudere tutto a Natale e Capodanno. Per questo dobbiamo essere ancora più attenti, possiamo rischiare di entrare in zona rossa anche fra una settimana, non ci vuole niente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Usa, Salvini finisce sull’Independent: “Cheerleader di Trump diffonde infondate teorie del complotto sul voto”

next
Articolo Successivo

Puglia, Emiliano offre due assessorati al M5s per entrare in maggioranza: grillini divisi tra voglia di accettare e oltranzismo di Laricchia

next