Sono 29.907 i nuovi casi di coronavirus accertati in Italia nelle ultime 24 ore, durante le quali sono deceduti 208 pazienti. I posti letto occupati nei reparti Covid sono 936 in più di sabato e 96 positivi in più si trovano in terapia intensiva. Aumenti che portano a oltre 20mila le persone ricoverate. I tamponi processati sono stati 183.457, di cui 117.478 diagnostici (25,46% di tasso di positività). Le regioni con il maggiore incremento – in 6 hanno fatto registrare il loro picco di nuovi contagi in un giorno – sono Lombardia (8.607), Campania (3.860, record) e Toscana (2.379). Oltre duemila casi anche nel Lazio (2.351, record), in Veneto (2.300) e Piemonte (2.024). In Emilia-Romagna le positività rintracciate sono 1.758 e per la prima volta anche la Sicilia segnala più di mille casi, 1.095. Per la prima volta nessuna regione è al di sotto dei 100 casi.

Le altre regioni – L’Umbria fa segnare 768 nuovi contagi (record), dati simili alla Liguria (736) e appena superiori a Marche (683) e Puglia (680). Nella Provincia autonoma di Bolzano si segnalano 534 nuovi infetti, mentre in Abruzzo sono 489 (record). Il Friuli Venezia Giulia si ferma a 403, la Sardegna a 399 (record). Anche la Calabria fa segnare il suo nuovo picco (245), mentre nella Provincia autonoma di Trento i contagi sono 210. La Basilicata riporta 150 (record), la Valle d’Aosta 135 e il Molise 101.

I dati totali e attuali – Dall’inizio della pandemia diventano quindi 709.335 i casi accertati di coronavirus in Italia. Le persone guarite o dimesse sono 292.380 (+2.954), mentre quelle decedute sono 38.826. Gli attualmente positivi diventano 378.129, di cui 357.288 in isolamento domiciliare. I contagiati ricoverati in ospedale con sintomi sono ormai più di 20mila: 18.902 si trovano in reparti Covid, mentre 1.939 sono assistiti in terapia intensiva. Per la prima volta dopo tre settimane non si verifica un raddoppio dei casi, aumentati del 65%: sono 183.577 i nuovi positivi accertati da lunedì a domenica, la scorsa settimana erano stati 111.550. Allo stesso tempo, però, il tasso medio di positività al tampone in questa settimana è stato del 22,8%, in forte aumento rispetto al 16% dei sette giorni precedenti. Negli ultimi sette giorni, le province con il maggior numero di contagi in relazione al numero di abitanti sono state Monza, Varese, Aosta, Milano, Prato e Como: quattro su sei sono in Lombardia.

Le ospedalizzazioni – E proprio la Lombardia resta la regione con il maggior numero di contagiati in ospedale: 4.246 in reparto con sintomi e 418 in terapia intensiva, con aumenti di 213 e 20 pazienti. Il Lazio supera quota duemila contagiati nelle strutture sanitarie con 2.055 in reparto (+111) e 185 in terapia intensiva (+3). Male anche il Piemonte, dove si contano incrementi di 161 nei reparti Covid (2.844 in totale) e 5 in terapia intensiva (179). Crescono in maniera importante anche Toscana, Emilia-Romagna, Campania, Liguria e Puglia. La Sicilia con 37 ricoverati in più sfiora ormai i mille degenti (999) e conta dieci pazienti in più terapia intensiva (132).

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Operatori socio sanitari, stop al tirocinio per l’emergenza Covid. Centossesanta allievi erano quasi pronti per entrare in servizio

next
Articolo Successivo

“L’emergenza si sta aggravando, serve un nuovo lockdown. In gioco tenuta del sistema sanitario”: l’allarme dei medici di Torino

next