Basta televisione, perché la situazione richiede la sua presenza costante. Il primario del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, ha annunciato su Twitter che almeno nella prima settimana di novembre non comparirà più nelle trasmissioni del piccolo schermo per parlare dell’evoluzione dei contagi da coronavirus. “Dovrò declinare gli inviti a partecipare a trasmissioni televisive per almeno una settimana – ha scritto Galli – da lunedì 2 novembre in poi”. Il motivo? “La situazione non mi lascia più margini di tempo e ho una quantità di cose urgenti di cui dovermi occupare”.

Proprio ospite della trasmissione Agorà su Rai 3, Galli giovedì ha raccontato che all’ospedale Sacco di Milano dalla sera prima c’erano “19 pazienti intubati, 47 persone in Cpap su 300 ricoverati ed eravamo già arrivati ad aver riempito tutto quello che avevamo ulteriormente aperto. L’ospedale a oggi ha attivato oltre 300 letti per il ricovero Covid. Abbiamo già riconvertito di tutto e di più. L’ortopedia non è più un’ortopedia, ma è un reparto Covid per capirci”. Questa è la situazione della struttura sanitaria milanese che è punto di riferimento nazionale per le malattie infettive: “Abbiamo già riconvertito tutto quello che si poteva riconvertire, a 30 letti al giorno, per arrivare all’attuale situazione e probabilmente non basterà”, avvertiva l’infettivologo.
“Mi riferisco – precisa Galli – al mio ospedale. La situazione è decisamente pesante. Anche per sostenere gli sforzi di tutti i collaboratori, dico che stiamo tenendo duro e anche parecchio. Ma più di tanto non puoi tirare la corda, perché rischia di spezzarsi”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid Campania, De Luca: “Serve lockdown nazionale, il governo in ritardo”. E chiude gli asili. Richiamati gli anestesisti in pensione

next
Articolo Successivo

Il cattivo esempio dei parlamentari: tutti gli errori dei senatori che non indossano correttamente la mascherina in Aula

next