È diventato virale nelle ultime ore un video pubblicato sui social da una “negazionista” dell’emergenza coronavirus che vuole dimostrare come, a suo dire, il Pronto Soccorso dell’ospedale Sacco di Milano, uno dei centri di riferimento per i pazienti Covid sul territorio lombardo, sia in realtà deserto. La signora si fa riprendere prima all’esterno della struttura e poi all’interno per mostrare come, secondo lei, non vi sia alcun afflusso di ambulanze e malati Covid e, quindi, come medici e giornalisti stiano solo facendo “terrorismo“, termine utilizzato e abusato da chi la pensa come lei. Peccato però che il suo video sia falso e, come sottolinea il sito Bufale.net, “del tutto privo di senso” per due motivi.

Il primo è che la donna si riprende all’interno della sala d’attesa del pronto soccorso dedicata ai parenti: ovviamente, da che è iniziata l’emergenza sanitaria, non è più consentito l’ingresso negli ospedali a nessuno fuorché al personale e ai malati, ecco quindi spiegato perché quella stanza è cosi vuota. I parenti, anche volendo, non possono entrare in ospedale. Il secondo fatto che consente di bollare come “fake news” il video della negazionista è il fatto che, all’ospedale Sacco di Milano, i malati Covid non arrivano al pronto soccorso dall’ingresso principale ma seguono un percorso differenziato di Triage. Insomma, anche in questo caso, è assolutamente legittimo che dove si trova la donna non vi sia nessuno né il “via vai” di ambulanze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catania, arrestato un usuraio: tasso di interesse del 120% su un piccolo prestito a un ristoratore in difficoltà causa Covid

next
Articolo Successivo

Giovanni D’Ercole, il vescovo di Ascoli Piceno si dimette e va in monastero: “Sento il bisogno di dedicarmi alla preghiera”

next