“Dopo che fai? Stappi lo champagne?”. A scriverlo, in una chat citata nel decreto di sequestro, era uno dei dipendenti ed ex dipendenti di Lottomatica, concessionaria dei giochi per conto dello Stato, accusati di aver “intercettato” e incassare quattro biglietti della lotteria istantanea “Gratta e Vinci” per un valore complessivo di 27 milioni di euro. I finanzieri del Nucleo Speciale Polizia Valutaria della Guardia di Finanza, su delega della Procura della Repubblica di Roma, hanno eseguito sequestri nei confronti di 12 persone indagate, a vario titolo, per truffa aggravata, accesso abusivo ai sistemi informatici, ricettazione e autoriciclaggio di capitali illeciti. Alle indagini ha collaborato la stessa Lottomatica.

I responsabili sono stati individuati dagli accessi al sistema informatico per acquisire informazioni riservate sia in merito all’individuazione dei biglietti vincenti di importo più alto sia alla loro localizzazione presso i rivenditori. Si informavano su data e luogo di consegna e a quel punto andavano a comprarli e li incassavano attraverso amici e familiari. Infatti il codice deontologico interno vieta ai dipendenti di partecipare ai giochi e alle lotterie.

I formali vincitori hanno trattenuto per sé una quota delle vincite e hanno poi trasferito gli importi restanti su conti correnti dei dipendenti infedeli e di persone a loro vicine. In questo modo, nel 2015, sono stati acquistati due biglietti vincenti da 5 milioni di euro presso un rivenditore di Milano e uno in provincia di Brescia, mentre gli ulteriori due biglietti da 7 milioni di euro sono stati comprati nel 2017 a Foggia e nel 2019 a Cremona, tutte località distanti dal domicilio degli indagati.

In questo modo dipendenti “infedeli” tra 2015 e 2019 hanno intascato i premi di due biglietti “Super Cash” dal valore di 7 milioni di euro, con una probabilità di vittoria stimata in 1 su 15.840.000 biglietti, e il primo premio di due tagliandi “Maxi Miliardario” da 5 milioni di euro ciascuno, con una probabilità di vittoria stimata in 1 su 9.360.000 biglietti.

International Game Technology e la sua controllata Lottomatica Holding informano di aver sospeso i quattro dipendenti indagati nelle truffe per i Gratta e Vinci. Gli altri sono ex dipendenti e persone a loro vicine. “Igt, pienamente consapevole della gravità di tale condotta, ha collaborato dal principio con le Autorità competenti, al fine di supportare le indagini sulla presunta condotta illecita e tutelare l’integrità delle attività della società e gli interessi dei propri clienti. La Società ha provveduto a sospendere dal servizio in via cautelativa i quattro dipendenti appena venuta a conoscenza dell’indagine”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, il caso dell’incidente mortale con l’auto blu del capo della sanità: rinviato a giudizio l’ex direttore di Medicina legale

next
Articolo Successivo

Vaticano, “indagato l’ex cardinale Angelo Becciu”. Per la procura generale di Milano Cecilia Marogna deve restare in carcere

next