Centinaia di persone marciano, si scontrano con la polizia e appiccano incendi a West Philadelphia, durante la seconda notte di manifestazioni dopo l’uccisione da parte della polizia di Walter Wallace, un uomo di colore di 27 anni. “Abbiamo un uomo che è morto, e mi sento come se dovessi essere qui per riconoscere che un uomo sia morto”, dice un manifestante. Il dipartimento di polizia ha avvertito su Twitter che una grande folla di circa 1.000 persone stava saccheggiando le attività commerciali nella zona di Castor e Aramingo, consigliando ai cittadini di evitare l’area. La polizia poi si è recata sul luogo, armata di manganelli, scontrandosi violentemente con diverse dozzine di persone. L’ufficio del governatore della Pennsylvania Tom Wolf ha annunciato il dispiegamento di diverse centinaia di truppe della Guardia Nazionale nella città “per proteggere il diritto di riunirsi pacificamente e protestare mantenendo le persone al sicuro”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bolivia, queste elezioni ci ricordano che il socialismo in Sud America è ancora vivo

next