Ieri in tutto il Lazio si sono contati, a fronte di 1.993 positivi, 33 nuovi ricoveri. Eppure i pronto soccorsi sono stati assaltati da persone in cerca di un consiglio, di un controllo, di una cura. Lo spavento è tanto e l’assillo di chiedere a un medico, e cercarlo dove siamo sicuri che ci sia, è giustificato. In Italia però ci sono circa 53mila medici di base, e il rapporto medico/abitante è nella media europea. Siamo invece al primo posto per numero di pediatri, poco meno di 18mila.

Se è vero che il governo, ma soprattutto le Regioni, non hanno provveduto a incrementare l’organico degli Usca (le unità specializzate anti-Covid), è però certo che la medicina territoriale, per quanto malconcia e avanti con gli anni, esiste ancora. E a differenza del marzo scorso i dispositivi di protezione individuale sono accessibili a tutti gli operatori sanitari e garantiscono sicurezza assoluta, come pure i protocolli di cura oramai standardizzati. Allora perché far fare ai pronto soccorso ciò che è naturalmente destinato ai compiti del medico di base? Perché lasciare assaltare gli ospedali, bruciando energie preziose, quando la prima linea della cura domiciliare è affidata ad altri soggetti?

Se non dobbiamo dimenticare i medici caduti sul lavoro, soprattutto quelli lombardi, che a mani nude si sono battuti contro il virus senza risparmiarsi (e infatti quasi duecento sono le vittime) e i tanti che ogni giorno mostrano sacrificio e dedizione, è indubitabile che una frotta non esigua di loro colleghi assistono senza intervenire, osservano, come fossero vigili urbani e instradano per telefono. Sbarrati troppi studi medici, inaccessibili e sordi o quasi all’obbligo professionale: curare e sorvegliare coloro che non necessitano di cure ospedaliere. Si vede che per tanti (troppi) il giuramento di Ippocrate è sospeso, anch’esso in lockdown.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La reputazione: a noi interessa poco cosa si fa e molto di più cosa si dice?

next
Articolo Successivo

Lockdown possibile quando la gente vede gli ospedali pieni? La doppia verità della Merkel e la nostra incapacità di convivere col virus

next