Seduto davanti al portellone di un’ambulanza, bardato con tuta e maschera di protezione dal virus e “sfinito” da un turno di lavoro “stremante”. È come si definisce Gianluca Vurchio nella foto postata su Facebook che lo ritrae. Vurchio è il sindaco di Cellamare, comune di poco meno di 6mila abitanti in provincia di Bari. Ma non solo, perché Vurchio è anche un soccorritore del 118, un’attività che in questa nuova fase di emergenza acuta a causa della pandemia di Covid-19 ha deciso di continuare a svolgere.
Sfinito, dopo un turno di lavoro. Stremante. Questo sono io”, inizia così il suo post sui social. “Ma questa foto rappresenta tutti gli operatori sanitari che quotidianamente sono in trincea”. Vurchio racconta della stanchezza, non solo fisica, ma anche emotiva che prova alla fine di un turno: “Oggi è stata una giornata difficile, davvero. Ho visto gente soffrire, ho trasportato pazienti critici, ho scrutato in loro e nei loro parenti il dolore e la paura di non farcela o di non riveder mai più il proprio caro”, scrive il sindaco. “Il virus esiste, per davvero – mette ancora in guardia – E fa male, molto male. Mettiamo la mascherina, facciamo attenzione. Proteggiamoci noi e proteggeremo anche gli altri”.
Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Milano, protesta in stile “Casa di carta” alla Banca d’Italia: “Serve un reddito d’emergenza”

next