Da mesi lanciano appelli alle istituzioni, “rimasti inascoltati”. I titolari di autorizzazioni Ncc e pullman hanno manifestato portando i loro autobus “fermi da mesi nei capannoni “sotto la sede della Regione Lombardia. I vertici della Fai-Trasporto persone, associazione che rappresenta la categoria, hanno scritto alla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e al presidente Attilio Fontana per offrire il loro aiuto nei trasporti, mettendo a disposizione circa 6mila mezzi presenti in Lombardia. “Non capiamo perché, visto l’affanno del trasporto pubblico locale questi mezzi non vagano utilizzati”, denuncia Marta Regiardo del Fai-Trasporto persone.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Napoli, sfilata a colpi di clacson e manifesti funebri sul parabrezza: la protesta dei bus turistici contro il nuovo dpcm. Le immagini

next
Articolo Successivo

Coronavirus, lanci di petardi e bottiglie a Palermo contro la polizia: il video degli scontri

next