Da mesi lanciano appelli alle istituzioni, “rimasti inascoltati”. I titolari di autorizzazioni Ncc e pullman hanno manifestato portando i loro autobus “fermi da mesi nei capannoni “sotto la sede della Regione Lombardia. I vertici della Fai-Trasporto persone, associazione che rappresenta la categoria, hanno scritto alla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, e al presidente Attilio Fontana per offrire il loro aiuto nei trasporti, mettendo a disposizione circa 6mila mezzi presenti in Lombardia. “Non capiamo perché, visto l’affanno del trasporto pubblico locale questi mezzi non vagano utilizzati”, denuncia Marta Regiardo del Fai-Trasporto persone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, sfilata a colpi di clacson e manifesti funebri sul parabrezza: la protesta dei bus turistici contro il nuovo dpcm. Le immagini

next
Articolo Successivo

Coronavirus, lanci di petardi e bottiglie a Palermo contro la polizia: il video degli scontri

next