Si è concluso il procedimento contro Paolo Massari, l’ex assessore all’Ambiente del Comune di Milano, accusato di aver stuprato un’amica imprenditrice, in passato sua compagna di scuola, lo scorso 13 giugno. Questa mattina ha patteggiato 2 anni di carcere, pena sospesa, e altrettanti anni di trattamento terapeutico, come prevede il Codice Rosso. Alla vittima spetterà un risarcimento di 30mila euro. Ad accogliere la richiesta di patteggiamento con risarcimento è stato il gup Tiziana Gueli. Massari, che ha accettato di sottoporsi a un percorso terapeutico, ha ammesso i fatti e ha chiesto scusa alla donna, che aveva aggredito nel garage del palazzo dove vive. Il giornalista di Mediaset, ora sospeso in via cautelare dall’azienda e dall’Albo, è in libertà dopo essere stato arrestato a giugno.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Casamonica, sei arresti per estorsione con metodo mafioso e spaccio. Le minacce a una vittima: “Ti dobbiamo veni’ a casa?”

next
Articolo Successivo

Abruzzo, prezzi gonfiati e protesi cardiache scadute per favorire fornitori “amici”: quattro arresti per corruzione, falso e turbativa d’asta

next