Una strage di cuccioli di foca è avvenuta sulle coste della Namibia. Oltre 12mila piccoli esemplari di foche sudafricane da pelliccia sono stati abbandonati dalle madri per poi morire sulle spiagge e al largo delle coste del Paese: i loro cadaveri sono stati registrati dalle immagini satellitari di Ocean conservation Namibia (Ocn). Questi esemplari di solito partoriscono su queste spiagge a novembre, ma la strage dimostra che qualcosa non è andato come doveva. Naude Dreyer, che guida l’associazione no profit, ha spiegato alla Bbc che i suoi ricercatori stanno eseguendo dei test per determinare le cause di queste gravidanze premature, anticipando che il motivo più probabile potrebbe essere il cambiamento climatico, con le correnti calde che hanno un impatto sulla fauna marina. “Allo stesso tempo non possiamo escludere la possibilità di tossine o malattie“, ha anche aggiunto. Sembra che anche le madri delle foche siano malnutrite e Dreyer ha detto che alcune di loro sono si trovano ancora sulle spiagge. “È tragico camminare e vedere queste madri, non abbiamo centri di riabilitazione formali in Namibia e quando arrivano a questo punto di malnutrizione è difficile farle recuperare”, ha concluso.

Some more insight into the mass death of premature pup on our coast. Please give it a read????

Gepostet von Ocean Conservation Namibia am Donnerstag, 15. Oktober 2020

Nei loro profili social (in particolare Twitter e Facebook) Ocn documenta spesso gli sforzi quotidiani dei ricercatori nel trovare e curare le foche che mangiano rifiuti in plastica o ne rimangono prigioniere. I più diffusi sono scarti di reti da pesca o fascette alimentari, che possono diventare trappole dolorose, quando non mortali, per questi animali.

Immagine d’archivio

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consumo di suolo, Olbia ai primi posti in Italia. E purtroppo il nuovo piano urbanistico lo conferma

next
Articolo Successivo

Parigi, solo con un piano di integrazione ad ampio respiro non ci saranno altri Samuel Paty

next