È ricoverato in rianimazione, a seguito di un grave incidente, il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia dell’Emilia-Romagna Michele Barcaiuolo. L’incidente è avvenuto giovedì 22 ottobre mentre il politico stava viaggiando nella tratta modenese dell’autostrada A1, un chilometro prima del casello di Modena Sud. Adesso Barcaiuolo è ricoverato all’ospedale di Baggiovara, e non è in pericolo di vita.

Secondo le prime ricostruzioni, l’auto sulla quale viaggiava l’esponente di Fratelli d’Italia, che occupava il posto del passeggero, è stata colpita da un pezzo di copertura di un giunto autostradale sollevato da un tir, che ha centrato il veicolo. L’auto con a bordo Barcaiuolo dunque non stava procedendo sotto a un cavalcavia e non è stato un masso a colpire la vettura, come era sembrato in un primo momento. Sul posto sino accorsi la polizia stradale di Modena Nord e gli operatori sanitari del 118, che hanno portato Barcaiuolo all’ospedale di Baggiovara.

A rassicurare sulle condizioni di Barcaiuolo è il deputato Galeazzo Bignami: “Autostrade dovrà rispondere di quanto sta combinando. Rassicuro i tanti amici che scrivono, Michele sta meglio. Speriamo di riabbracciarlo presto. Forza Michele”. Gli auguri di pronta guarigione al consigliere regionale modenese arrivano dal sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e dal presidente del Consiglio comunale di Modena Fabio Poggi.

Anche la senatrice della Lega, Lucia Borgonzoni ha scritto al consigliere: “Nell’augurare una pronta guarigione al consigliere regionale Michele Barcaiuolo non posso non esprimere tutto lo sgomento per le conseguenze – se possibili ancora più gravi – che potevano accadere”, ha detto Borgonzoni. “Ritrovarsi con il parabrezza dell’autovettura rotto perché all’improvviso circa 10 chili di cemento si staccano dal manto stradale è qualcosa che si fa fatica anche ad immaginare – continua la senatrice – Mi auguro che la magistratura possa individuare i responsabili e non lasciare impuniti coloro che si sarebbero dovuti occupare sia della manutenzione che dei controlli“, ha concluso.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Medjugorje, scomunicato Tomislav Vlasic, padre spirituale dei sei presunti veggenti. Nel 2009 era stato ridotto allo stato laicale

next
Articolo Successivo

Solo 100 vigili (su 6mila) a Roma per la prima notte di coprifuoco. Sindacato Ugl: “Serve giusto compenso straordinario”

next