Con l’impennata di contagi a cui stiamo assistendo, che ha provocato in una settimana un aumento del 40% dei ricoveri in ospedale e il 61% di posti occupati in più nelle terapie intensive, “le misure del nuovo Dpcm sono insufficienti a contenere il virus in alcune aree del Paese”. È il monito lanciato dalla Fondazione Gimbe nel commentare i dati dell’ultimo monitoraggio relativo alla settimana 7-13 ottobre. Il presidente Nino Cartabellotta si appella al “senso di responsabilità e alla massima collaborazione tra presidenti di Regione e amministratori locali, sindaci in primis: intervenire tempestivamente con misure restrittive locali, compresi lockdown mirati, per spegnere i focolai, arginare il contagio diffuso e prevenire il sovraccarico degli ospedali. Altrimenti, persistendo i trend delle ultime settimane – spiega Cartabellotta – il rischio di restrizioni più ampie (lockdown incluso) è dietro l’angolo“.

Il confronto tra il 7-13 ottobre i dati della settimana precedente mette in evidenza un incremento esponenziale nel trend dei nuovi casi (35.204 vs 17.252, +104,1%) a fronte di un moderato aumento dei casi testati (505.940 vs 429.984) e di un netto incremento del rapporto positivi/casi testati (7% vs 4%). Dal punto di vista epidemiologico crescono i casi attualmente positivi (87.193 vs 60.134, +45%) . È però soprattutto il fronte degli ospedali a preoccupare: in 7 giorni si registra un’impennata dei pazienti ricoverati con sintomi (5.076 vs 3.625, +40%) e in terapia intensiva (514 vs 319, +61%). La percentuale complessiva di pazienti ospedalizzati sul totale dei casi attualmente positivi, rispetto ad una media nazionale del 6,4%, oscilla dal 2,6% del Friuli-Venezia Giulia al 10,2% della Liguria. Infine, sono in crescita costante anche i decessi: nell’ultima settimana i morti sono stati 216, quella precedente erano 155.

L’aumento dei nuovi casi, raddoppiati in 7 giorni, “si riflette anche sulla curva di pazienti ospedalizzati con sintomi e in terapia intensiva. Inoltre, con il netto aumento dei casi si rendono molto più evidenti le numerose variabilità regionali, oltre che provinciali”, spiega Cartabellotta. Anche sul fronte della capacità di testare e tracciare i positivi le performance regionali sono molto variabili: a fronte di una media nazionale di 838 casi testati per 100mila abitanti, il numero varia dai 523 delle Marche ai 1.276 della Toscana. L’incremento del rapporto positivi/casi testati passa dal 4% al 7%, a conferma che il virus circola in maniera sempre più sostenuta: il range varia dal 2% della Calabria al 16,4% della Valle D’Aosta. “Il valore superiore al 6% in quasi tutte le Regioni dimostra un sovraccarico nel tracciamento e isolamento dei focolai e richiede un potenziamento urgente dei servizi territoriali deputati alle attività di testing & tracing”, spiega la Fondazione Gimbe.

“Con l’aumentare vertiginoso dei numeri – spiega Cartabellotta – il dato nazionale non rende conto delle marcate differenze regionali e provinciali che richiedono provvedimenti più restrittivi al fine di circoscrivere tempestivamente tutti i focolai e arginare il contagio diffuso”. Ad esempio, si legge nel monitoraggio della Fondazione di Bologna, nella settimana 7-13 ottobre l’incidenza di nuovi casi per 100mila abitanti, rispetto a una media nazionale di 58,3, è superiore a 100 in due Regioni – Valle d’Aosta (141,6) e Liguria (113,1) – e in 6 province: Belluno (181,3), Genova (144,7), Arezzo (129), Pisa (125,3), Prato (125,3), Napoli (110,3). “Gli effetti delle misure del nuovo Dpcm – conclude Cartabellotta – oltre a non poter essere valutati prima di 3 settimane, saranno in parte neutralizzati dall’incremento esponenziale dei contagi e dall’ulteriore sovraccarico dei servizi sanitari dovuto alla stagione influenzale”. Per questo il presidente di Gimbe chiede tempestive misure locali, “compresi lockdown mirati”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Potenza, focolaio nel reparto di Ginecologia: 9 positivi tra il personale. “Ma il contagio è legato a un evento privato”

next
Articolo Successivo

Maltempo, violenta tromba d’aria a Sottomarina di Chioggia: sradicati alberi e scoperchiate tettoie. Il video

next