Sabato pomeriggio piazza Duomo a Milano si è riempita con cinquecento bauli vuoti portati dai lavoratori del mondo dello spettacolo. Vestiti a lutto, denunciano la crisi che sta vivendo il settore: “Non si tratta di sopravvivere o cambiare professione, è in discussione l’esistenza e il tessuto stesso dell’entertainment del nostro Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, il turismo alberghiero è in ginocchio. L’imprenditore: “I dipendenti mi chiedono di licenziarli, così possono accedere agli aiuti”

next
Articolo Successivo

Morti sul lavoro, Mattarella: “Ferita sociale che lacera il Paese. Dalla pandemia ripercussioni drammatiche sulla salute dei lavoratori. Un terzo degli infortuni mortali tra i sanitari”

next