Sabato pomeriggio piazza Duomo a Milano si è riempita con cinquecento bauli vuoti portati dai lavoratori del mondo dello spettacolo. Vestiti a lutto, denunciano la crisi che sta vivendo il settore: “Non si tratta di sopravvivere o cambiare professione, è in discussione l’esistenza e il tessuto stesso dell’entertainment del nostro Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, il turismo alberghiero è in ginocchio. L’imprenditore: “I dipendenti mi chiedono di licenziarli, così possono accedere agli aiuti”

next
Articolo Successivo

Morti sul lavoro, Mattarella: “Ferita sociale che lacera il Paese. Dalla pandemia ripercussioni drammatiche sulla salute dei lavoratori. Un terzo degli infortuni mortali tra i sanitari”

next