Adesso entriamo nella fase D, cioè quella del contagio elevato o elevatissimo. L’obiettivo è avere più o meno un equilibrio tra nuovi positivi e guariti. Non dico una equivalenza perfetta, ma perlomeno una situazione gestibile, come ad esempio 700 contagi e 500-600 guariti. Ma se abbiamo 1000 contagi e 200 guariti, è lockdown“. Lo annuncia, nella sua consueta diretta informativa su Facebook, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che imputa l’attuale numero preoccupante dei contagiati all’apertura dei confini regionali dopo il lockdown e al “rompete le righe” avvenuto in estate.

E aggiunge: “Se hai un incremento in termini assoluti di 800 positivi al giorno, è evidente che arriviamo alla chiusura di tutto. Vogliamo drammatizzare? No. Vogliamo fare semplicemente un calcolo numerico. Dobbiamo prepararci ad avere, da qui a un mese, il triplo dei ricoveri i terapia intensiva, cioè dobbiamo passare da 130 a quasi 500 terapie intensive occupate”.
Il presidente campano informa dell’incontro che ha avuto ieri col ministro della Salute Roberto Speranza e col commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri. E chiosa: “Stiamo lavorando ora dopo ora, giorno dopo giorno per seguire l’evoluzione dell’epidemia, non essere colti di sorpresa e non prendere decisioni sciagurate, come potrebbe essere quella di mandare i contagiati nelle case per anziani. E mi fermo qui. Era un memo dedicato a quelli che pensano di fare addirittura campagne mediatiche di sciacallaggio“.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mali, padre Maccalli e Nicola Chiacchio atterrati a Ciampino. I due italiani liberati accolti da Conte e Di Maio

next
Articolo Successivo

Cittadella della pace, Conte elogia l’associazione che promuove la cultura della non-violenza: “Fonte d’ispirazione per i governi”

next