Lento ma costante aumento dei decessi, impennata di contagi e crescita dei ricoverati. È quanto rileva il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe nella settimana tra il 30 settembre e il 6 ottobre. Le morti sono aumentate del 13,1% (155, +18) negli ultimi sette giorni mentre rispetto alla settimana precedente c’è stato un “netto incremento nel trend dei nuovi casi” che passano da 12.114 a 17.252 (+42,4%) a fronte di un numero di poco superiore di casi testati (+9%). Sale quindi anche il rapporto positivi-casi testati, che passa dal 3,1 al 4%.

I numeri, fa notare Gimbe, si riflettono anche sul fronte degli ospedali con la crescita dei pazienti ricoverati con sintomi, ora 3.625 (+577, +18,9%), e delle persone che necessitano di assistenza in terapia intensiva. Sono infatti diventati 319, crescendo del 17,7% in 6 giorni (+48). “Nell’ultima settimana – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – la curva dei contagi si è impennata, in conseguenza del netto incremento del rapporto positivi-casi testati”.

Guardando i dati con uno specchio temporale più ampio, Gimbe fa notare che da metà luglio i nuovi casi settimanali sono più che decuplicati (da poco oltre 1.400 a più di 17.000), con incremento del rapporto positivi-casi testati dallo 0,8% al 4%. Tale dinamica ha generato il progressivo aumento dei casi attualmente positivi, quintuplicati da fine luglio: da 12.482 a 60.134. “L’incremento del rapporto positivi-casi testati – spiega Cartabellotta – conferma che il virus circola in maniera più sostenuta: per questo nelle Regioni dove supera il 5% è cruciale potenziare le attività di testing and tracing”. Quattro le regioni oltre la media nazionale: si tratta di Liguria (7,7%), Campania (6,3%), Provincia autonoma di Trento (6,8%), Piemonte (6,2%) e Valle d’Aosta (5,4%).

Da fine luglio i pazienti ricoverati con sintomi e in terapia intensiva sono aumentati rispettivamente da 732 a 3.625 e da 49 a 319. “Se il dato nazionale – puntualizza Cartabellotta – non lascia intravedere alcun sovraccarico dei servizi ospedalieri, iniziano ad emergere differenze regionali rilevanti”. In particolare, fa notare Gimbe, al 6 ottobre ben 8 Regioni registrano tassi di ospedalizzazione per 100.000 abitanti superiori alla media nazionale di 6,5: Lazio (13,9), Liguria (13), Campania (9,2), Sardegna (8,8), Sicilia (7,9), Piemonte (7,1), Abruzzo e Puglia (6,6).

Differenze regionali anche sulla “composizione” degli attualmente positivi: si mantiene costante dai primi di luglio la percentuale di persone in isolamento domiciliare (93-94%), di ricoverati (il 5-6%) e persone in terapia intensiva (0,5%). “Tuttavia, anche per questo indicatore le differenze regionali accendono ulteriori spie rosse”, spiega Cartabellotta. In 7 regioni infatti il tasso di ospedalizzazione è superiore al 6,6% di media nazionale: Sicilia (11,5%), Liguria (10,4%) Lazio (9,9%), Puglia (8,9%), Piemonte (8,6%), Abruzzo (8,2%), Basilicata (7,9%).

In crescita anche i decessi dai primi di settembre: “Inizia a delinearsi un trend in lento ma costante incremento”, fa notare Gimbe. Il numero dei pazienti deceduti è aumentato da 46 a 155 per settimana. In altri termini, spiega Cartabellotta, “le dinamiche dell’epidemia, molto diverse dalla prima ondata, dimostrano che il progressivo incremento dei casi attualmente positivi iniziato a fine luglio, dopo un mese ha innescato l’incremento di pazienti ospedalizzati con sintomi e in terapia intensiva, e dopo 2 mesi, inizia a riflettersi anche sui decessi”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“In alcuni ambiti si toccano soldi e ci si sporca di sangue”. La denuncia del Papa durante l’ispezione dell’Antiriciclaggio Ue in Vaticano

next
Articolo Successivo

Volantini contro Cirio, tre giovani denunciati per minacce aggravate. Il governatore era ritratto come Moro dopo il rapimento delle Br

next