Hanno dovuto somministrargli un cocktail sperimentale e un farmaco considerato salvavita nei pazienti gravi per Covid senza contare che ha avuto necessità di ossigeno per due volte. Eppure il primo gesto di Donald Trump, dimesso dal Walter Reed Medical Center ancora positivo e ancora non considerato fuori pericolo, è togliersi la mascherina. Neanche il tempo di rientrare alla Casa Bianca e il presidente torna, se mai ne era uscito, in campagna elettorale. Il tycoon è Sceso dal Marine One, l’elicottero presidenziale che dall’ospedale militare dove era stato ricoverato giovedì sera lo ha riportato sul prato di 1600 Pensylvania Avenue, e ha alzato i pollici.

Una scena palesemente studiata a tavolino ma che ha suscitato critiche e indignazione, col Commander in Chief che dal portico della sua residenza con aria solenne fa il saluto militare, resta immobile per qualche minuto e poi, decollato l’elicottero, rientra a casa. Poco dopo sul suo account Twitter un video di 90 secondi in cui lancia un nuovo messaggio agli americani: “State attenti, siate prudenti, ma uscite fuori, non lasciate dominarvi dal virus, si può combattere. Dobbiamo riaprire la nostra economia”. È un concetto che aveva già espresso in un tweet prima di essere dimesso, invitando tutti a non farsi condizionare dalla pandemia che – ha sottolineato – si può battere con i farmaci e le competenze a disposizione. “Mi sento più forte di 20 anni fa” ha detto poi Trump in un video rilasciato al suo rientro. “Lo dica alle famiglie degli oltre 205 mila americani già morti per il Covid”, ha replicato lo sfidante Joe Biden parlando da Miami, in quella Florida che ancora una volta sarà uno stato chiave per decidere chi uscirà vincitore dalle urne delle presidenziali del 3 novembre. “Spero che nessuno pensi davvero che il virus non sia un problema”, ha aggiunto l’ex vicepresidente. Biden, che durante il ricovero del presidente aveva interrotto gli spot, ha ricordato i dati della pandemia in Usa :”oltre 200mila americani sono morti. 50mila americani contagiati ogni giorno, mille decessi quotidiani. Questa è un’emergenza nazionale. Il presidente dovrebbe assurmersi la responsabilità”.

È durata appena quattro giorni la grande paura per Trump e la sua assenza dalla gara elettorale. Anche se a guardar bene la campagna il presidente in carica non l’ha mai abbandonata: basta vedere lo show della sua breve fuga dall’ospedale per salutare dall’auto blindata la folla dei sostenitori che nel weekend ha sostato davanti all’ospedale alle porte della capitale Washington. Certo, finché non risulterà negativo ai test Trump potrà solo fare campagna virtuale, e a rischio sono anche gli altri due dibattiti tv con Biden, il 15 e il 22 ottobre.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Donald Trump lascerà l’ospedale in serata: “Non abbiate paura del Covid, mi sento meglio di 20 anni fa”. Medici: “Non è ancora fuori pericolo”

next