Fino al 15 ottobre i “lavoratori fragili” non potranno essere licenziati per esaurimento del comporto di malattia. Dopo quella data, che coincide la scadenza attuale dello stato di emergenza, quei lavoratori potranno ricorrere allo smartworking (se possibile), fino a fine anno. Lo prevede un emendamento al decreto Agosto approvato dalla Commissione Bilancio. L’intervento mette una pezza a un buco nelle proroghe del “Cura Italia” che aveva lasciato scoperti migliaia di lavoratori pubblici e privati con acclarata esposizione a rischio, vale a dire malati oncologici, immunodepressi, disabili con legge 104, come segnalato dal fattoquotidiano.it. La protezione inserita nel decreto faceva sì che l’assenza dal lavoro fosse equiparata al ricovero ospedaliero, quindi fuori dal computo dei 180 giorni oltre i quali può scattare il licenziamento.

Il Decreto Rilancio del 31 luglio l’aveva prorogata, fino al 31 luglio ma da quel giorno fino ad oggi, vale a dire per oltre due mesi, è sparito ogni riferimento all’articolo 26 comma 2 della legge che proteggeva lavoratori fragili. La grana era esplosa proprio a ridosso della riapertura delle scuole. Il rischio che il personale in condizioni di fragilità non si presentasse al lavoro venne scongiurato da un intervento ad hoc che apriva un ponte sulla ricollocazione di quello reimpiegabile da casa e una scialuppa per quello dichiarato temporaneamente inidoneo. Ma il caso dei lavoratori fragili dimenticati era rimasto aperto. Tanto che nei 66 giorni di scopertura della legge molti lavoratori con documentata fragilità si sono trovati di fronte alla scelta di tornare in servizio (a proprio rischio) o prendere ferie per coprire l’assenza senza farla pesare sul countdouwn del licenziamento.

La tutela che viene reintrodotta ora, come da decreto originale, presuppone un certificato medico che attesti che il lavoratore ha una condizione di rischio, a causa di condizioni di immunodepressione o esiti di malattie oncologiche o terapie salvavita di cui ha bisogno o condizioni di disabilità ex legge 104. Di conseguenza, può non lavorare ma i giorni di malattia non influiranno nel conteggio del limite massimo di 180 giorni. Inoltre, secondo l’emendamento, l’astensione dal lavoro viene equiparata al ricovero ospedaliero.

Soddisfazione esprime la senatrice del M5s presidente della commissione Lavoro, Susy Matrisciano: “E’ un bell’esempio di convergenza su un tema importantissimo, in una fase complessa, che consente di coniugare due diritti fondamentali: il diritto al lavoro e quello alla salute”. Matrisciano spiega che la norma “ha cristallizzato le osservazioni della Commissione. La sua formulazione ampia e generica, include, infatti, i lavoratori del mondo della scuola, prevede un finanziamento di circa 54 milioni di euro e consente di tutelare tutti coloro che, trovandosi in quella condizione, sono esposti più di altri al rischio di un possibile contagio. E questo, per me, è motivo d’orgoglio”.

La toppa però non ripara del tutto il buco, perché non considera quanti hanno fatto ricorso al surrettizio uso delle ferie per evitare il licenziamento. E criticità esprime la Lega per bocca della responsabile del dipartimento Disabilità Alessandra Locatelli: “Le tutele sono state prorogate grazie all’insistenza dei Senatori leghisti in commissione bilancio, ma non basta. L’esecutivo che per l’ennesima volta si sveglia all’ultimo secondo. Per il futuro dei cittadini italiani ha in mente solo la proroga dell’emergenza e non la tutela della salute dei lavoratori più a rischio e il loro futuro”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Pescara 200 beneficiari di reddito fanno lavori utili per il Comune. La giunta forzista: “Presto altri 200. I costi? Paga lo Stato”

next