L’Azerbaigian e l’Armenia si sono mostrati intransigenti e determinati a combattere dopo quattro giorni di sanguinosi scontri nel Nagorno Karabakh, un territorio azero separatista sostenuto da Yerevan, ignorando le richieste internazionali di cessate il fuoco. Dopo aver visitato i soldati feriti in un ospedale marziale, il presidente azerbaigiano Ilham Aliev ha promesso di continuare la lotta fino al “ritiro totale, incondizionato e immediato” delle forze armene. “Se l’Armenia accetta questa condizione, i combattimenti si fermeranno, il sangue smettera’ di versare”, ha detto Aliyev. Il premier armeno Nikol Pachinian pero’ ha chiuso la porta ai negoziati, ritenendo inopportuno discutere un possibile vertice di pace mentre “sono in corso intensi combattimenti”. Il Consiglio di sicurezza dell’ONU chiede la fine immediata delle ostilita’ e la ripresa dei colloqui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Timothy Ray Brown, il primo paziente al mondo guarito dall’Aids è morto di leucemia

next
Articolo Successivo

Congo, la storia di Solange: “Noi, sventrate dai soldati. Oggi ho gli incubi: penso che tutti gli uomini siano come loro”

next