Erano arrivati in Italia il 22 marzo, nel pieno della pandemia da coronavirus che aveva messo in ginocchio il Paese, e precisamente a Crema (Cremona), in Lombardia, per aiutare nell’ospedale da campo messo in piedi nel parcheggio dell’ospedale. I medici del contingente cubano “Henry Reeve” hanno operato in Italia fino a maggio, quando l’emergenza sanitaria è rientrata. Dopo quattordici giorni di quarantena e il tampone negativo, erano ripartiti per Cuba a inizio giugno. Ora, il governo di Cuba ha ufficializzato la candidatura dei medici al Premio Nobel per la Pace.

L’annuncio è stato fatto via Twitter dal presidente Miguel Díaz-Canel, che ha spiegato che il Consiglio mondiale per la Pace ha sostenuto formalmente la candidatura sottolineando “le grandi sfide del Covid-19 e il ruolo essenziale della solidarietà di fronte a questa emergenza”. La richiesta è già stata inviata al Comitato norvegese per il Nobel, sostenuta dalle firme dei comitati nazionali per la pace di circa 100 Paesi del mondo. Il contingente di medici specializzati in situazioni di disastri e gravi epidemie “Henry Reeve” fu costituito il 19 settembre del 2005, voluto da Fidel Castro, che allora portò aiuto agli Stati Uniti colpiti dall’uragano Katrina. Secondo i media, Cuba ha inviato finora oltre 3.700 collaboratori, raccolti in 46 brigate, in 39 Paesi e territori colpiti dal Covid-19.

La candidatura al Premio Nobel è stata accolta con entusiasmo dalla sindaca di Crema Stefania Bonaldi: «Difficile esprimere la gioia, la commozione, l’orgoglio, la riconoscenza e lo straordinario affetto che proviamo per i nostri Hermanos De Cuba», ha scritto in un post su Facebook.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Droga, 180 chili di hashish e marijuana dentro pacchi regalo spediti dalla Spagna a Palermo. Sequestri per 500mila euro

next
Articolo Successivo

Caso Becciu, il Financial Times: “Segreteria di Stato Vaticana investì 100 milioni di sterline in case di lusso a Londra”

next