Per le ferie dei tedeschi, la cancelleria Angela Merkel ha sconsigliato di affrontare viaggi all’estero, evitando mete in zone a rischio, a causa del Coronavirus. Ma, nominando le destinazioni in Europa, ha fatto una eccezione per il nostro Paese, indicando l’Italia come una meta possibile e sicura: “In Europa ci sono molte zone a rischio”, ha detto, sostenendo che sarebbe poco indicato andarci per le vacanze per evitare il rischio di contagiarsi. “Si può viaggiare in Germania e si può andare in zone non a rischio in Europa”, ha aggiunto: “In Italia, ad esempio, si agisce con grandissima cautela“.

In Germania, intanto, il governo federale e i Laender hanno stabilito di limitare la partecipazione alle feste e agli eventi pubblici e nei locali pubblici a 50 persone, nel caso la circoscrizione di appartenenza abbia più di 35 nuove infezioni per 100mila abitanti in 7 giorni. La decisione è frutto di un incontro in video-conferenza tra i ministri-presidenti dei Laender tedeschi e la cancelliera. Nelle feste private viene invece consigliata la partecipazione di un massimo di 25 persone. Nel caso di un’evoluzione dell’epidemia con oltre 50 nuove infezioni per 100mila abitanti in 7 giorni in una circoscrizione allora saranno stabilite nuove misure, si è deciso nel corso della riunione. “Vogliamo lavorare in modo mirato nelle regioni e su scala locale. Non vogliamo più un lockdown generalizzato” ha detto tra l’altro Merkel.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

America Latina, la violenza istituzionale è un circolo che va spezzato

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Merkel: “No a un nuovo lockdown, ma sì ad azioni locali”. E sconsiglia viaggi in “Paesi a rischio”

next