È iniziata sotto la pioggia a Piazza del Popolo a Roma la manifestazione indetta dal comitato “Priorità alla scuola”, con i sindacati, gli studenti e i genitori. “Noi siamo in questa piazza per fare la nostra parte e non tornare alla normalità, ma per andare verso una scuola migliore, più inclusiva e giusta, per questo siamo partigiani della scuola”, sono state le parole dal palco di Costanza Margiotta, del comitato “Priorità alla scuola”. “Ha aperto una scuola dimezzata: precari senza incarico, scuole senza insegnanti e nuovi spazi, classi pollaio, banchi che non arrivano, scuole ancora chiuse, personale ATA insufficiente e oberato di lavoro, trasporti carenti e non adeguati, confuse interpretazioni locali di confuse indicazioni nazionali su sicurezza e prevenzione sanitaria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Mancano i prof, connessione lenta e finestre rotte”: i genitori degli studenti dello Scientifico “Primo Levi” di Roma scrivono alla Azzolina

next