È appena terminata la prima giornata di campionato e il Giudice Sportivo ha già decretato il primo 3 a 0 a tavolino. Hellas Verona-Roma, terminata zero a zero sul terreno di gioco, consegnerà i tre punti ai veneti a causa di un errore nella compilazione delle liste da parte del club giallorosso. A Verona, da regolamento, Amadou Diawara non avrebbe potuto scendere in campo, in quanto non figura nel gruppo ufficiale dei 25 giocatori consegnata dalla Roma (come ogni altro club) a inizio stagione, essendo finito invece in quello degli under 22, nonostante abbia già compiuto 23 anni.

Una svista probabilmente in buona fede quella della società di Trigoria, visto che tra gli “over” il club di Dan Friedkin aveva altri quattro slot disponibili nei quali inserire il centrocampista guineano. Nella scorsa stagione, infatti, Diawara figurava in questa lista under 22 che non mette un limite al numero di calciatori, lasciando spazio ai più “anziani” nell’altra a numero limitato. Nel frattempo, però, il 17 luglio Diawara ha compiuto 23 anni e avrebbe dovuto scalare nell’altro gruppo, come da regolamento. Ma questo, probabilmente per una svista dei responsabili giallorossi, non è avvenuto e Diawara è rimasto così nell’elenco degli under 22 e con questo status ha giocato a Verona.

Mentre il segretario generale della società, Pantaleo Longo, si è già dimesso, a Trigoria pensano al ricorso. Questo perché l’errore, dicono, è stato fatto in buona fede e non con l’intento del dolo o della frode, visto che la società poteva usufruire dei posti liberi nella lista degli “over”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadi, per Miozzo (Cts) è “una follia far entrare a più di mille persone”. Gravina (Figc) preme: “Giusto aprire gradualmente al pubblico”

next
Articolo Successivo

Stadi, via libera all’apertura con capienza al 25% dalla Conferenza delle Regioni. Speranza: “Più importante garantire la scuola”

next