Obbligatorio avere la mascherina, tanto quanto la tessera elettorale e la carta d’identità. Senza dimenticare di rispettare sempre il distanziamento e di igienizzare le mani, almeno tre volte durante tutta l’operazione. Sono le regole per le elezioni al tempo del coronavirus. Il 20 e 21 settembre gli italiani sono chiamati al voto per il referendum sul taglio dei parlamentari. Inoltre, si terranno le elezioni regionali in Campania, Toscana, Veneto, Liguria, Marche, Puglia e Valle d’Aosta. Ma anche le amministrative in 962 Comuni e le suppletive in Sardegna e Veneto.

Quando e dove si vota
L’election day, come detto, accorpa elezioni regionali, comunali, suppletive e referendum sulla riforma costituzionale. I seggi sono aperti dalle ore 7 alle 23 di domenica 20 settembre e dalle ore 7 alle 15 di lunedì 21 settembre. Si provvederà immediatamente allo spoglio delle schede sul referendum per il taglio dei parlamentari, successivamente comincerà lo scrutinio delle altre votazioni.

Per le elezioni regionali sono chiamati alle urne 18 milioni e 590mila elettori delle 7 regioni. Le amministrative riguardano invece 962 Comuni: in Sicilia e Sardegna, infatti, le comunali si terranno rispettivamente il 4 e 5 ottobre e il 25 e 26 ottobre. Sono chiamati al voto i capoluoghi di regione Aosta, Trento e Venezia, oltre ad altri 16 capoluoghi di provincia: Agrigento, Andria, Arezzo, Bolzano, Chieti, Crotone, Enna, Fermo, Lecco, Macerata, Mantova, Matera, Nuoro, Reggio Calabria e Trani. In Sardegna, nel collegio uninominale 03, si vota anche per le politiche suppletivi al Senato. Allo stesso modo sono chiamati al voto gli elettori del collegio uninominale Veneto – 09.

Le regole anti-Covid
Mascherina, distanziamento, igiene delle mani: le tre regole auree per evitare il contagio da coronavirus sono anche alla base delle norme previste ai seggi per l’election day. Dove possibile, le file per entrare ai seggi si faranno all’esterno: in ogni caso, va rispettata la distanza di almeno un metro tra una persona e l’altra durante l’attesa. All’ingresso e all’uscita del seggio deve essere presente il gel per igienizzare le mani. L’operazione va compiuta quando si entra nell’edificio, prima di prendere matita e schede elettorale e infine all’uscita dal seggio. La febbre invece non viene misurata: deve essere l’elettorale a farlo prima di recarsi al voto e restare a casa se a sintomi legati al coronavirus, come appunto una temperatura sopra i 37,5 gradi.

I guanti non servono. La mascherina invece è obbligatoria e va indossata sempre dal momento in cui si entra nell’edificio. Una volta arrivati davanti allo scrutatore, bisogna seguire le sue indicazioni e rimanere a un metro di distanza. Va fatto un passo indietro – per stare a due metri – quando ci viene chiesto di abbassare momentaneamente la mascherina per l’identificazione. Dopo aver votato, deve essere lo stesso elettorale a infilare la scheda nell’urna. Eccezion fatta per le elezioni suppletive al Senato: in quel caso la scheda va consegnata all’operatore (che è munito di guanti). Infine, si può uscire dal seggio seguendo il percorso segnalato, che deve essere diverso rispetto a quello di entrata.

Le regole per chi è in quarantena o isolamento
Le persone in quarantena perché positive al coronavirus o in isolamento fiduciario possono votare a domicilio: entro il 15 settembre però devo aver inviato la richiesta al sindaco del proprio comune, accompagnato da un certificato dell’Azienda sanitaria locale (Asl). A casa arriverà un addetto che provvederà a eseguire le operazioni di voto munito di camice, mascherina, visiera e guanti.

Il voto nei reparti Covid e nelle Rsa
È stata prevista anche la possibilità di istituire dei seggi speciali nei reparti Covid degli ospedali, per permettere così anche alle persone ricoverate di esercitare il diritto di voto. Gli scrutatori che lavoreranno nei seggi speciali avranno a disposizione i dispositivi di protezione individuale e lavoreranno con un compenso maggiorato del 50 per cento. Laddove non sono previsti seggi speciali, il voto verrà raccolto con le stesse modalità previste per le persone in quarantena. Allo stesso modo, il ministero della Salute ha previsto anche indicazioni specifiche sulla raccolta del voto presso le strutture sociosanitarie e socioassistenziali (Rsa). Le operazioni di voto dovranno essere il più rapide possibile e svolgersi all’interno di locali dedicati, sufficientemente ampi ai fini del mantenimento del distanziamento e dotati di adeguato ricambio d’aria.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Referendum, l’Agcom richiama Rai, Sky e La7: “Subito riequilibrio in tg e programmi. Dare uguale spazio a partiti anche per le Regionali”

next