Settantasei migranti si sono buttati in mare dalla Open Arms, questa mattina, al largo di Palermo, in segno di protesta e nel tentativo di raggiungere la costa. La nave della ong spagnola aveva soccorso 275 migranti ed era in attesa, come hanno scritto, “di istruzioni per lo sbarco, dovendo allo stesso tempo gestire situazioni critiche a bordo”. I 76 sono stati recuperati e riportati sulla nave. Sul posto anche la SeqWatch4 e la Guardia costiera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nel Regno Unito altri 2 milioni di persone di nuovo in lockdown. Allarme in Francia: superati ancora i 10mila contagi in 24 ore

next
Articolo Successivo

Dalle acque spunta un rarissimo esemplare di delfino rosa: le immagini da Hong Kong

next