Abubakr ha dieci anni. Cinque anni fa è stato rapito da un gruppo armato e per metà della sua vita ha assistito e vissuto eventi traumatici. Dopo diversi mesi di cure con il team di salute mentale di Medici Senza Frontiere (Msf), sta migliorando e presto inizierà anche ad andare a scuola, cominciando un nuovo capitolo della sua vita. Abubakr era arrivato da solo a Gwoza, una città di guarnigione nello stato di Borno, nel nord-est della Nigeria. Lì abitano 60mila persone con condizioni di vita difficili, aiuti umanitari scarsi e frequenti scontri tra militari e gruppi armati. Molte persone a Gwoza hanno assistito ad atti di violenza o hanno perso i propri cari, le case e mezzi di sussistenza mentre fuggivano in cerca di sicurezza. Tra loro ci sono anche tanti i bambini, come Abubakr.

La sua storia non è la sola. Ci sono migliaia di bambini dentro e fuori Gwoza che hanno vissuto eventi traumatici. “Molti di loro hanno perso membri della famiglia, sono stati sradicati dalla loro casa e costretti a fuggire, e alcuni sono stati rapiti. Fanno la pipì a letto, hanno incubi e problemi a scuola. I bambini tendono a interpretare ciò che conoscono, e alcuni, particolarmente esposti alla violenza, con i loro amici fanno giochi che includono sparatorie e uccisioni. Quando disegnano, raffigurano fucili d’assalto meglio di un pallone da calcio o di un animale” spiega Kyla Storry, responsabile delle attività di salute mentale di Msf a Gwoza.

A dieci anni dall’inizio del conflitto, la situazione è estremamente preoccupante. “Questa crisi – che colpisce più di 60mila persone a Gwoza e fino a 1,8 milioni di persone nello stato di Borno – impedisce alla maggior parte di immaginare un futuro e provoca un grande disagio psicologico. Finché durerà, la necessità di supporto per la salute mentale continuerà a crescere. È fondamentale che il sostegno psicologico sia disponibile per bambini e adulti che vivono in questa situazione” conclude Kyla Storry di Msf.

Msf lavora in Nigeria dal 1996 e ha una presenza permanente nell’area nord-orientale del paese dal 2014. Le équipe di Msf oggi forniscono cure mediche nel Borno, Ebonyi, Jigawa, Zamfara, Rivers, Kano e Kebbi, mentre le équipe di emergenza rispondono all’insorgere di epidemie e altri bisogni umanitari urgenti. Nel 2019 a Gwoza Msf ha fornito 5.341 sessioni di consulenza e 2.144 attività psicosociali di gruppo per bambini e adulti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Siria, abbiamo fatto orecchie da mercante e ora ce ne siamo dimenticati

next