“Sto sentendo di procedure assurde per sanificare quaderni, compiti, libri, matite e pennarelli. La procedura è semplice: lavatevi le mani! Tutto il resto è aria fritta“. Con un post su Facebook, l’immunologa Antonella Viola cerca di sfatare le ennesime fake news sulle probabilità di contagio da coronavirus, a testimonianza di quanta confusione ci sia ancora nel nostro Paese sulle modalità di trasmissione del virus. La docente, ordinario di patologia generale presso l’università di Padova e direttrice scientifica dell’Istituto di Ricerca Pediatrica (IRP-Città della Speranza), spiega che “Questo vale per i quaderni tanto quanto per la matita che useremo per votare. Mascherina, Amuchina e andiamo avanti!”.

Quaderni e matite. Sto sentendo di procedure assurde per sanificate quaderni, compiti, libri, matite e pennarelli. La…

Gepostet von AntonellaViola am Montag, 14. September 2020

La pensa come lei anche l’epidemiologo dell’università di Pisa, Pierluigi Lopalco. In un video pubblicato su YouTube e poi condiviso sulla sua pagina Facebook, l’esperto spiega che il rischio che gli insegnanti possano contrarre il coronavirus semplicemente manipolando i quaderni con i compiti degli alunni “è pari a zero”. “Sulla carta il coronavirus resiste oggettivamente molto poco, è una superficie particolarmente permeabile e – precisa – ogni gocciolina emesse tende ad essere assorbita, in questo modo se si toccano con le mani i fogli c’è evidentemente meno rischio. Il rischio di contrarre l’infezione da coronavirus – ribadisce – è molto vicino allo zero”. Se si vogliono adottare delle precauzioni, quindi, specifica Lopalco, “la prima misura è l’igiene delle mani, l’insegnante dopo aver ritirato i compiti si passa del gel alcolico e così elimina il rischio”, conclude.

QUADERNI IN QUARANTENA?La riapertura delle scuole si accompagna necessariamente a dubbi e timori. Dobbiamo tutti far…

Gepostet von Pier Luigi Lopalco, epidemiologo am Sonntag, 13. September 2020

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tumore al seno durante la gravidanza, la porta avanti grazie a un protocollo medico creato ad hoc. Oggi è nata Aurora

next
Articolo Successivo

Salute, la medicina preventiva è per me la via maestra per ogni malattia. Vi spiego perché

next