I giudici della II sezione penale di Roma hanno condannato a 11 anni di carcere il giudice del Consiglio di Stato Nicola Russo (ora sospeso dalle sue funzioni) con l’accusa di corruzione in atti giudiziari per aver pilotato almeno tre sentenze. È stato inoltre dichiarato estinto il rapporto di Russo con la Pubblica amministrazione e disposto un risarcimento di 100mila euro in favore della Presidenza del Consiglio, costituitasi parte civile, e di oltre 64 mila in favore dell’amministrazione giudiziaria a titolo di riparazione pecuniaria.

A far scattare l’inchiesta, che nel febbraio 2019 ha portato all’arresto di Russo, sono state le dichiarazioni dell’avvocato Piero Amara ai magistrati, ai quali riferì di aver dato a Russo 80mila euro, promettendone altri 60mila per far ‘aggiustare’ tre sentenze proprio davanti al Consiglio di Stato. Durante la requisitoria, i pm avevano chiesto di condannarlo a 7 anni e mezzo.

Nell’ambito dello stesso procedimento, nel luglio 2019 hanno patteggiato una condanna a 2 anni e mezzo l’ex presidente del Consiglio di giustizia amministrativa siciliana Raffaele Maria De Lipsis e l’ex magistrato della Corte dei Conti Luigi Pietro Maria Caruso, accusati anche loro di corruzione in atti giudiziari. Per un terzo imputato, il deputato ora sospeso dell’assemblea regionale siciliana Giuseppe Gennuso, il gup Costantino De Robbio ha derubricato l’accusa in traffico di influenze fissando in un anno e due mesi la pena. La condanna per Russo, invece, è arrivata oggi perché aveva scelto di essere giudicato con rito ordinario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi Lega, l’ex direttore di banca ai pm: “Operazioni senza ragioni economiche mai viste prima in 30 anni di lavoro”

next
Articolo Successivo

Fondi Lega, teste: “Di Rubba uomo di fiducia e faceva parte dell’entourage di Salvini”. Nove gli indagati in totale per l’affare del capannone

next