La Sardegna corre ai ripari dopo i numerosi focolai registrati in estate, con il maggiore afflusso di turisti e i locali aperti, e la nuova risalita del numero di casi giornalieri nel Paese. Nella nuova ordinanza firmata dal governatore Christian Solinas, chiunque voglia recarsi sull’isola sarà invitato a presentarsi all’imbarco con una certificazione di negatività, ma in caso contrario sarà comunque obbligato a sottoporsi a tampone molecolare o antigenico entro 48 ore dall’arrivo in regione.

A chiarire la disposizione della giunta sarda è l’assessore alla Sanità, Mario Nieddu: “Non c’è l’obbligo di presentarsi all’imbarco con una certificazione di negatività perché nell’ordinanza si parla solo di un invito – ha spiegato il membro della giunta -, c’è però l’obbligo di sottoporsi a tampone molecolare o antigenico in Sardegna entro 48 ore dallo sbarco se non si è esibita la certificazione richiesta. Tanto è vero che – spiega – il provvedimento impone l’isolamento fiduciario sino a che non si ha l’esito del tampone”.

L’ordinanza prevede inoltre che chi non ha intenzione di sottoporsi al tampone sarà obbligato a rimanere in quarantena fino al giorno della partenza: “Si resta in isolamento finchè non si riparte – spiega l’assessore – Si è infatti obbligati a ottemperare un’ordinanza, la si può anche impugnare davanti alla Corte Costituzionale se si ritiene che stia violando i propri diritti, ma intanto la si deve ottemperare, altrimenti si va incontro alle sanzioni previste dalla legge”. D’altronde, conclude l’assessore della Sanità, “non si capisce perché il Lazio può farlo e la Sardegna no. Nel Lazio, quando arrivi dalla Sardegna, ti somministrano il tampone, volente o nolente”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“È andato al lavoro con la febbre”: medico dell’ospedale di Alessandria positivo al Covid, quattro contagiati nel suo reparto

next
Articolo Successivo

Guerra (Oms) a Skytg24: “Elezioni? Procedura sarà di massima sicurezza. Più pericolosi ristoranti e bar”

next