Un grave incidente si è verificato poco prima di mezzogiorno nell’area delle Tre Cime di Lavaredo, sul versante bellunese, dove era in corso una esercitazione congiunta di elisoccorso. Un finanziere di 55 anni, Serio Francese, è morto per essere stato colpito dal rotore di un elicottero. Inutili i soccorsi dei compagni. L’appuntato scelto, appartenente al Stazione Sagf di Cortina d’Ampezzo e al Soccorso alpino di Auronzo, era impegnato in un addestramento congiunto tra il Soccorso alpino veneto e la Guardia di Finanza. Si tratta di esercitazioni di routine che servono per migliorare gli interventi in montagna.

L’incidente si è verificato durante le fasi di imbarco sull’elicottero da una sporgenza pianeggiante della Piramide, che costituisce una propaggine della Cima Grande. Mentre stava per salire sul velivolo, Francese è stato urtato dal rotore. I soccorsi sono stati immediati, da parte sia dei colleghi che si trovavano in parete che del personale medico dell’Aiut Alpin Dolomites di Bolzano. Ma i tentativi di rianimazione sono risultati vani. Ai soccorritori non è rimasto che constatare il decesso del finanziere. La salma è stata poi trasportata a valle, a disposizione della magistratura bellunese che ha avviato un’inchiesta.

Le squadre stavano utilizzando l’elicottero 412 della Sezione aerea della Guardia di finanza di Bolzano, che ha trasportato i soccorritori sulla Piramide. In quel punto è stato simulato un intervento di soccorso con calata della barella in parete, successivo trasporto e sperimentazione di un sistema di localizzazione di utenza telefonica. Dopo la prima parte di allestimento era atteso l’arrivo di autorità e giornalisti al Rifugio Auronzo, che sono stati trasportati a bordo dell’elicottero per una ricognizione nell’area della calata e successivo sbarco ai Piani di Lavaredo, dove era fissato il punto di osservazione delle manovre. Ma qualcosa non ha funzionato nel corso della simulazione. Tra i messaggi di cordoglio per il decesso del finanziere anche quello del ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, del ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e del comandante generale della Guardia di Finanza, Giuseppe Zafarana.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ex Ilva, incendiate nella notte 8 auto degli operai. Deraglia un carro-siluro. I sindacati: “Fortissimo malessere e scarsa manutenzione”

next