“Il mio appello è stato da qualcuno frainteso e mi dispiace. Non indicavo candidati nelle regioni ma chiedevo il dialogo: era un appello al dialogo tra forze di maggioranza che ora sperimentano una operazione di governo nazionale. Quel dialogo andava fatto e va fatto”. Lo ha spiegato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte intervistato da Peter Gomez e Antonio Padellaro alla Festa del Fatto Quotidiano (rivedi l’integrale) “È auspicabile una continuità di questa esperienza a livello territoriale. La direzione di marcia deve essere quella. Nessuno deve rifiutarsi di sedersi attorno a un tavolo”, conclude

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte: “Proposi Draghi come presidente della Commissione europea ma si rifiutò. Lui al mio posto? Non è un rivale, lo tirano per la giacca”

next