“Mi sono imposto nell’istituire un regime che comporti il riposo assoluto, è la terapia di cui lui più necessita e non è stato assolutamente facile convincerlo”. Lo ha detto il medico personale e primario del San Raffaele, Alberto Zangrillo, in conferenza stampa, a proposito delle condizioni di Silvio Berlusconi. “Come sempre l’uomo è pronto e intelligente, ne ha convenuto ed è contento della decisione presa. L’umore non è dei migliori, neanche il mio. È previsto – ha aggiunto – che ci sia qualche giorno di ricovero qua dentro anche perché esistono protocolli terapeutici”. E ancora: “I suoi 84 anni obbligano ad assoluta cautela”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi ricoverato, Zangrillo nel punto stampa: “Rilevato blando coinvolgimento polmonare. Situazione tranquilla e confortante”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Zangrillo: “Virus clinicamente morto? Ho usato tono forte e stonato, ma era fotografia di ciò che osservavamo”

next