Il loro destino è racchiuso nel cognome. Così pesante da trasformarsi in un macigno legato intorno al collo, così ingombrante da attrarre gli sguardi perplessi di compagni, tifosi e allenatori. Perché c’è solo una cosa peggiore del risultare mediocri in quello che si ama: avere un fratello che riesce a eccellere nella stessa disciplina. Parenti serpenti che si prendono le prime pagine e lasciano trafiletti ironici ai consanguinei. E mentre uno corre verso la gloria e i suoi beni derivati, l’altro viene inghiottito in un limbo eterno fatto di cambi di casacca, di prestazioni opache, di solitudine. “Mio fratello è figlio unico”, cantava Rino Gaetano. E sono stati tantissimi che l’hanno pensato almeno una volta nel corso della propria vita. Soprattutto nel calcio. Ecco una carrellata di calciatori destinati a perdere sempre il confronto con i loro più quotati fratelli.

Vi ricordate della coppia Eddy Baggio-Max Vieri? Le storie di 8 calciatori che hanno avuto un fratello troppo ingombrante

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Totti svela i retroscena su Antonio Conte alla Roma: “Era fatta, ci rimasi male”

next
Articolo Successivo

Calendario Serie A, il campionato 2020/21 giornata per giornata: Pirlo parte dalla Samp, per Inter-Juventus bisogna aspettare gennaio

next