“Il modello che abbiamo a Padova riduce drammaticamente i costi dei test e aumenta la produttività. Abbiamo fatto i calcoli e un tampone in ospedale ci costa 2 euro e mezzo“. Lo ha spiegato il virologo Andrea Crisanti, professore dell’Università di Padova, intervistato a In Onda su La7, dove ha illustrato nel dettaglio il sistema di tamponi utilizzato a Padova. L’abbattimento dei costi, spiega Crisanti, è dovuto a un diverso utilizzo dei reagenti. “I reagenti vengono progettati e sintetizzati tutti insieme e non in singoli pacchetti. Vengono progettati da noi e prodotti in quantità gigantesche a prezzi bassissimi. Noi infatti non abbiamo mai avuto problemi di reagenti. Il nostro è un test fatto in casa e molto affidabile, validato da diversi laboratori” ha concluso

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porto Rotondo, operaio muore folgorato nella villa del conte Luigino Donà delle Rose

next
Articolo Successivo

Lega, botta e riposta tra Corrias e Ceccardi a La7: “Salvini un buon ministro? I fatti dicono il contrario, e deve restituire i 49 milioni”

next