Il caso Jacob Blake arriva anche in Nba. E questa volta non bastano le scritte “Black lives matter” o i gesti di solidarietà: i giocatori hanno deciso di boicottare i play-off. In America la protesta antirazzista è riesplosa a tre mesi dalla morte di George Floyd, dopo che a Kenosha, Wisconsin, un poliziotto ha sparato diversi colpi di pistola alla schiena del 29enne afroamericano. Blake è rimasto paralizzato, mentre nelle successive manifestazioni due persone sono morte: un 17enne bianco è stato arrestato per omicidio volontario. Le notizie sono arrivate anche nella “bolla” di Orlando, dove si stanno disputando i play-off Nba. E i Milwaukee Bucks hanno deciso di fare il primo passo: non si sono presentati in campo per gara-5 contro Orlando Magic, prevista per le 22 ora italiana. La squadra della stella Giannis Antetokounmpo, la squadra più forte della stagione regolare, è anche la prima a dire basta. Ora l’effetto domino coinvolgerà tutto il basket americano.

La cronaca della serata – I giocatori dei Bucks, tra cui anche Antetokounmpo, sono rimasti negli spogliatoi e hanno deciso di non entrare in campo per il riscaldamento. Gli avversari dei Magic sono invece regolarmente scesi sul parquet: secondo le prime ricostruzioni, avrebbero voluto giocare, ma a 3 minuti e 56 secondi dall’inizio del match sono tornati anche loro negli spogliatoi. Il risultato è che al suono della sirena che preannunciava l’imminente via alla partita sul parquet c’erano solo gli arbitri. E’ cominciata una lunga trattativa, ma secondo quanto riportato da ESPN e The Athletic la gara non si gioca. Anzi, i giocatori di Orlando avrebbero manifestato la volontà di non accettare nemmeno la vittoria a tavolino.

E il boicottaggio potrebbe proseguire: questa notte anche Houston-Oklahoma City, scrive la Gazzetta dello Sport, non si gioca. I giocatori di Rockets e Thunder hanno deciso di aderire a una protesta condivisa da molti i giocatori della lega. Come testimonia il tweet di LeBron James: “WE DEMAND CHANGE. SICK OF IT”, scrive il campione dei Lakers. Il “cambiamento” chiesto passa da gesti forti, come il boicottaggio. Il caso Jacob Blake rischia di far saltare anche gara 1 della semifinale Nba tra Toronto e Boston. L’allenatore dei Raptors, Nick Nurse, ha fatto sapere – prima della scelta dei Bucks – che l’idea di un boicottaggio per la sfida contro i Celtics “è sul tavolo“. Nurse ha aggiunto che le squadre cercano modi per protestare contro il razzismo sistemico e la brutalità della polizia aggiungendo che ha anche sentito parlare di un paio dei suoi giocatori disposti a lasciare il campus NBA e tornare a casa. La semifinale al meglio delle sette partite della Eastern Conference dovrebbe iniziare giovedì sera al Walt Disney World Resort di Orlando.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio Conte fa bene a restare all’Inter: l’amore è un rapporto che va consolidato nel tempo

next